QUINTA TAPPA: IL CAMPO AL RAHMA

Oggi siamo stati al campo Al Rahma, a Barr Elias. Ci troviamo vicino al confine con la Siria, lungo la strada diretta a Damasco.

<<Sono già stata qui più volte a fare visite, e la sensazione, entrandovi, è di conoscere ed essere riconosciuta. Ci sistemiamo in due diversi locali: Maria Luisa ed io su due piccole scrivanie nel locale della medicheria, Kamal in un angolo della sala comunitaria, molto più grande.

Mi ha molto emozionato cominciare a visitare e reincontrare volti noti, rilassati e sorridenti nei miei confronti. Vuol dire, a mio avviso, essere entrata nel loro vissuto ed è testimonianza di un buon lavoro già svolto!

Quante ustioni ricordo di aver medicato nel passato in questo campo e, alzando gli occhi alla vetrina, riconosco il kit di pronto soccorso donato in un’occasione passata.

Le persone si susseguono con rapidità. Osservo che su 16 visite da me effettuate prima della pausa per lo spuntino del pranzo, 4 sono bambini.

Kamal, nell’altra stanza ha visitato circa 30 persone.

I pazienti di Maria Luisa sono stati circa 18.

L’imminente arrivo del maltempo ha anticipato il nostro viaggio di ritorno. Tutti concordiamo con la mia idea di tornare un’altra volta la prossima settimana. Porteremo alcuni dei vestitini  che ci siamo portati dall’Italia>>

(Frammenti dal diario di viaggio di Lucia De Conno)

 

 

Condividi la nostra storia sui tuoi social!

Facebook
Facebook
Google+
http://secondgenerationaid.it/quinta-tappa-il-campo-al-rahma">
Twitter